Map of the Warhammer World.jpg

Il Vecchio Mondo, ora non più esistente nel momento in cui alla Fine dei Tempi fu ingolfato in un vortice di distruzione e Caos, era sito in un Piano di Esistenza e su un pianeta non noto.

Solitamente definito come l'area ad Ovest delle Montagne ai Confini del Mondo, a Nord del Fiume di Sangue e la fortezza del mare nano di Barak Varr ed a Sud del Paese dei Troll.

Il Vecchio Mondo era la patria delle nazioni dell'Impero, Kislev, Bretonnia, Tilea ed Estalia, lo Stato Indipendente della città di Marienburg, la foresta di Athel Loren, i principi di confine senza legge , così come alcune delle prigioni dei Nani. In passato, prima dell'ascesa degli umani, il Vecchio Mondo era governato dai Nani e dagli Elfi, fino alla "Guerra della Barba", e le rovine di antiche strutture costruite da queste razze costellavano le coste e le alte montagne.

Le diverse nazioni del Vecchio Mondo si alleavano raramente e, sebbene i rapporti tra i diversi stati in genere tendessero ad essere cordiali, è noto che sovente andassero in guerra gli uni contro gli altri. Mentre le rivalità politiche su argomenti quali il commercio e le risorse, che potevano fornire una grande fonte di ricchezza per gli antichi mondi, le minacce pressoché costanti poste alle nazioni del Vecchio Mondo facevano della collaborazione una necessità occasionale e non rara. Il Vecchio Mondo fu invaso molte volte nel corso degli anni: orde di Pelleverde dalle Badlands a sud, incursioni del Caos da nord, attacchi degli Skaven dalle loro tane sotterranee, eserciti inesorabili dei non morti e incursioni su larga scala di Elfi Oscuri e flotte che hanno minacciato di distruggere una o tutte le nazioni umane.

Tuttavia, le vite dell'essere umano sono relativamente brevi, e nel corso delle generazioni i ricordi di questi eventi sfociavano nel mito e nella leggenda, diventando nient'altro che storie per spaventare i bambini prima di coricarsi.

Il Vecchio Mondo consisteva principalmente di nazioni umane, ma constava anche dei Regni dei Nani del Karaz Ankor e della terra degli Elfi Silvani.

L'Impero

L'Impero resistette per oltre 2500 anni come la nazione più potente degli uomini nel Vecchio Mondo. Possedendo la tecnologia della polvere nera, l'avanzamento tecnologico dell'Impero metteva spesso in ombra armi più antiquate ancora molto comuni nel resto delle nazioni umane. Fu fondato da Sigmar Heldenhammer unendo un considerevole numero di tribù in guerra che abitavano la regione che poi divenne l'Impero stesso. Sigmar era della tribù Unberogen che abitava in quello che era il Reikland, per poi divenire la divinità protettrice dell'Impero. I territori delle altre tribù esistevano come vari altri Stati dell'Impero, come Ostland e Talabecland. L'Impero era guidato da un Imperatore, sebbene fosse eletto dai governanti di ogni singolo Stato. Anche se attraversò vari periodi di frammentazione, fu riunito in un momento successivo dal forte potere dell'imperatore Magnus il Pio. La maggior parte delle date nel Vecchio Mondo erano misurate con il Calendario Imperiale, IC. Sebbene le altre fazioni utilizzassero sicuramente i propri sistemi, ciò serviva a semplificare le cose. Prima della Fine dei Tempi, l'ultimo imperatore fu Karl Franz.

"Non credo di dover aggiungere niente a riguardo. Vederli crollare uno dopo l'altro mentre l'Immaterium ne divorava le carni e le anime poco prima di dipartire verso le Terre del Caos è stata una ineffabile dimostrazione che, in qualche maniera, ritornare bambini è possibile." - Richart de Sangre, Bretonniano, Guerriero di Khorne.

Bretonnia

La Bretonnia era un grande regno feudale, formato da una collezione di stati della città in guerra da Gilles le Breton su richiesta della Signora del Lago, che in seguito sarebbe diventata la divinità protettrice della Bretonnia. La Bretonnia era probabilmente la seconda nazione più potente del Vecchio Mondo dopo l'Impero e aveva un rigido sistema di classi in cui la classe superiore si atteneva a (presunti) principi di cavalleria, uomini ricchi e istruiti. La classe inferiore costituiva la maggioranza della popolazione ed era composta da contadini oppressi. I bretoni evitavano le armi a polvere nera in favore di combattimenti più tradizionali usando cavalieri e servitori/arcieri come supporto.  

"La cancellazione della Bretonnia e dei manichini che erano i suoi abitanti, ma soprattutto di Mousillon, è stato il pinnacolo della misericordiosa benevolenza elargita al Vecchio Mondo sotto forma di giusta epurazione da parte del mio Prescelto, se me lo chiedete." - Hallvard Zaron, Albioniano, Araldo del Caos Indiviso 

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.